Ecco una i quelle notizie che mi spaventano...



da www.focus.it

Arrivano i gatti a prova di allergiaEntro il 2007 saranno in commercio i primi 500 gatti anallergici generati con complessi incroci di razze diverse. A “realizzarli” sarà un’azienda californiana che già due anni fa aveva iniziato la “produzione in serie” di mici che non causano reazioni allergiche nei loro padroni. Allora però il metodo impiegato si basava su interventi di ingegneria genetica.
Due gatti privi della proteina FEL D1 rsponsabile di molte allergie. Sono stati prodotti grazie a complessi incroci di razze, molto più efficienti degli interventi di ingegneria genetica. Vi piacciono i gatti, ma non potete viverci accanto perché appena arrivano a “tiro di naso” iniziate a starnutire, lacrimare e a grattarvi perché la pelle vi si riempie di strane bolle? Questa notizia potrebbe cambiarvi la vita. Entro il 2007, infatti, saranno in commercio i primi 500 gatti che non causano reazioni allergiche nei loro padroni. A “realizzarli” sarà un’azienda californiana che già due anni fa aveva iniziato la “produzione in serie” di mici anallergici con complessi interventi di ingegneria genetica.
L’allergia al pelo di gatto è in realtà un’allergia a una proteina – chiamata FEL D1 – presente nel pelo ma anche nella saliva, nelle urine e nelle ghiandole sebacee dei nostri amici felini. Test allergeniciPer testare i gatti di si è scelta la strada più semplice, quella empirica. Soggetti sensibili al pelo di gatto sono stati esposti prima agli animali anallergici e poi a un gruppo di controllo di gatti “normali”. La differenza in termini di starnuti e arrossamento degli occhi era ben visibile.Gli scienziati però mettono in guardia: le allergie, per quel che sappiamo, variano molto nel tempo. La riduzione nei gatti della concentrazione di FEL D1 potrebbe pertanto non mettere al riparo i soggetti più sensibili, che così non trarrebbero giovamento dal micio anallergico. Se a questo si aggiunge che gli animali “innocui” sono molto costosi (attorno ai 4000dollari) viene da dire che forse è meglio sopportare qualche starnuto.
oltre che i gatti mi stanno sulle palle... però cazzarola... magari con la genetica riusciranno a correggere il bianco della mia pelle, toglieranno le paranoie dalle mie notti insonni, e tutte le calorie dei panini di frank... ma sarà lo stesso? aaaahhhhhhhhhhhhhrghhhhhhhh

2 commenti:

Mària ha detto...

....o però la teta sarà contenta....appena leggerà il post già smetterà di starnutire......o no?

cuore in bottiglia ha detto...

bè, io non cambierò mai la mia micia super patatosa con un gatto manipolatogeneticamenteantiallergie no nno nnno nnnno e NO!!!